Il Curriculum Vitae: Cos’è

Cosa

Il curriculum vitae (o Cv o Resumé) è il biglietto da visita di ogni candidato, ciò che oggi ci presenta in quanto professionisti di un campo, agli occhi delle aziende, e quello che queste ultime e i recruiter ci chiedono quando fanno una selezione.

Costituisce la nostra biografia personale e professionale: uno strumento di sintesi dei nostri dati, delle conoscenze, esperienze ed abilità. Ed è la prima cosa che leggeranno di noi.

Perciò ci deve rappresentare, come persone e come esperti delle nostre competenze.

Con il curriculum vitae si racconta una piccola biografia che deve attirare l’attenzione dei selezionatori.

Articolo revisionato il 9 Settembre 2019 alle 13:00

Perchè

Dato che nella ricerca di lavoro il fatto di fornire un curriculum dei nostri datti ed esperienze è momento imprescindibile e che NON possiamo bypassare, è opportuno prepararne uno, o più di uno*, tenerlo sempre aggiornato e farlo bene. Ricorda: farlo bene! Renderlo completo ma allo stesso tempo sintetico, chiaro ed efficace perché – come ti dicevo – è il nostro biglietto da visita, e dev’essere d’impatto per chi lo riceve.

O sarà solo uno tra i tanti.

Il selezionatore certamente riceve ogni giorno più di un Cv, non SOLO il nostro. Fa parte delle sue mansioni: raccogliere, tracciare, valutare e ingaggiare il giusto profilo: il profilo ideale all’occorrenza aziendale.

Immaginandolo immerso nella lettura dei tanti Cv, tra cui il nostro, è plausibile che ne ha avrà visto almeno uno subito prima, e ne vedrà almeno uno subito dopo. 
Ciò fa sì che il primo sguardo sia sempre molto veloce ma alla ricerca di elementi interessanti e distintivi per ciascun candidato/Cv. L’intento è quello di intercettare competenze tipiche, particolari e utili al momento aziendale.

Ti potrebbe interessare anche:

In “La Ricerca di Lavoro” e “Pausa Caffè!”

E solo l’interesse non comune che sapremo suscitare in lui “a questo primo colpo d’occhio”, ci garantirà il passaggio a una fase di valutazione più approfondita e successiva, ovvero quella che conduce al colloquio personale.


Come

Non esiste una ricetta universale per il curriculum infallibile; men che meno è dal curriculum che dipende l’assunzione certa
Non neghiamo l’evidenza: il curriculum è un primo strumento di rappresentazione. Ma poi per fortuna è la persona, e il professionista che c’è dietro, che è “idoneo”/”non idoneo” a questa o quel’azienda.

Però possiamo star certi che non andremo lontano se improvvisiamo un Cv senza seguire delle linee guida di forma e contenuto tarate sul destinatario e su un’idonea strategia di brand.

Quale brand? Il tuo: ovvero il tuo valore e il contributo in sapere che tu solo puoi portare!


Le regole auree del Curriculum

Sulla struttura approfondiremo. Ma già da ora pensiamo a cosa si aspetta di trovare nel curriculum chi è dall’altra parte, cioè chi lo leggerà:

  • ✔️ semplicità e chiarezza: facile individuare gli aspetti importanti di un ruolo o una competenza, senza ridondanza
  • ✔️ brevità, perché il tempo che può dedicarti è limitato, a volte intermittente. E dunque il risultato dev’essere mirato nelle informazioni chiave, non banale o striminzito
  • ✔️ dettaglio (nel rispetto della brevità)
  • ✔️ scorrevolezza: l’uso di un linguaggio tecnico (richiesto dalla materia) deve garantire comunque una facile lettura. Per punti, spaziando da un argomento all’altro in maniera dinamica, ma non frivola
  • ✔️ focus sul tema, oggettivando le competenze importanti, ma rispecchiando alla stesso tempo la tua personalità
  • ✔️ cura (senza errori) e immagine brillante di te.

Curriculum: modelli a confronto

E’ possibile adottare diverse forme di curriculum, e anche nel web si possono trovare diversi fac-simili. Tra questi c’è il CV EUROPASS, che dà una corretta linea guida su quali informazioni siano da considerarsi utili e necessarie, e in quale ordine.

Ad ogni modo difficilmente quando presenterai la tua candidatura ti chiederanno un formato particolare (salvo in casi particolari, come nell’accesso a corsi o concorsi). Ed anzi ben venga se, pur nel rispetto delle informazioni necessarie, tu deciderai di crearne uno del tutto personale, scrivendolo e formattandolo di sana pianta.

Del resto basta un documento di testo e un po’ di creatività (vediamo volentieri QUI degli esempi di curriculum creativo)!

Scegli il modello di curriculum che più ti rappresenta, per forma e contenuto.

L’importante è che non dimentichi informazioni determinanti e tieni a mente alcuni IMPORTANTI ACCORGIMENTI che ti faranno posizionare favorevolmente agli occhi dei selezionatori e preferire rispetto alla tua “concorrenza” (ovvero gli altri candidati).

Tieni conto che un Cv deve sempre riportare: chi sei e dove vivi, cosa sai fare e cosa hai fatto, cosa vorrai fare.

Sì, anche cosa vorrai fare: indicare già nel curriculum vitae le tue ambizioni professionali è decisamente un fatto positivo perché orienterà la lettura di chi lo riceve testimoniando che hai le idee chiare sul tuo futuro.


Bibliografia

In questo blog mi divertirò a segnalare anche delle letture interessanti per l’argomento del giorno.
Le troverete di pagina in pagina.

Nella maggior parte dei casi si tratterà di letteratura tecnica e seria, manuali d’istruzioni o approfondimenti utili al proprio bagaglio. 
Ma il primo libro concedetemi di essere “controcorrente” 😄.
A ognuno il suo punto di vista!

Summary
Il Curriculum Vitae: Cos'è
Article Name
Il Curriculum Vitae: Cos'è
Description
Il Curriculum oggi è uno strumento di ricerca di Lavoro imprescindibile. Vediamo l'importanza di creare un curriculum senza tralasciare informazioni necessarie e punti chiave e come possiamo fare. Leggi, condividi e lasciaci la tua esperienza
Author
Publisher Name
www.blogtalentlab.it
Link sponsorizzato
Link sponsorizzato
One Comment

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *