Lettera di Presentazione: Sì o No?

Lettera di Presentazione: Sì o No?

Assolutamente sì!

E non si tratta solo di un parere personale. Esistono almeno due buone ragioni riconosciute che danno valore alla Lettera di Presentazione, e attraverso di essa, al COME tu “confezionerai” la tua Candidatura per quel lavoro.

La Lettera di Presentazione

È

1) la prima cosa che il Recruiter osserverà di te e dunque la tua occasione per anticipare qualcosa che ti renda ASSOLUTAMENTE INTERESSANTE e CALZANTE per il Ruolo al quale ti stai proponendo;

2) se avvincente e ben pensata, ti permette di spingere sull’acceleratore della tua Motivazione.

Ma andiamo per gradi.

Lettera di Presentazione: Perché?

Vuoi proporti per quell’impiego.

In esso hai un forte interesse e una certa preparazione. Hai predisposto il tuo Curriculum Vitae, entrando nel merito del tuo percorso professionale. Per quanto, però, tu lo abbia reso dettagliato e allineato al Profilo di Selezione, sai bene che potrebbe spersonalizzare i contenuti, se non è adeguatamente arricchito di informazioni sulla Persona (oltre che sul Professionista che sei) e “spiegato” (i passaggi tra una fase del Cv e l’altra; i “perché” delle tue scelte).

È proprio per superare il limite della standardizzazione delle informazioni e per avvalorare in modo avvincente e personalizzato questo tuo “essere interessante, interessato e adatto al ruolo” [insomma cosa ti porta a proporti proprio adesso, proprio a quest’Azienda e proprio per questa mansione…] che è opportuno pensare a una lettera che accompagni il Cv, una Lettera di Presentazione appunto.

È un po’ come se il Curriculum tu lo confezionassi per l’occasione: devi “spiegare perché” sei la persona giusta per quell’annuncio o, se invece ti proponi spontaneamente a un’Azienda, per motivare a chi lo legge il perché dovrebbe prenderti in considerazione per future esigenze di personale.

La Lettera di Presentazione costituisce un’introduzione al Cv e soprattutto a te. Di norma costituisce la prima pagina (introduttiva) del Curriculum, datata e firmata per l’occasione, oppure il testo della mail con cui lo invii.

Ti dà l’occasione di presentarti per la prima volta al tuo lettore e di farti percepire per chi sei. Nella lettera, in effetti, puoi permetterti delle licenze espressive che superano la standardizzazione della scrittura del Cv; è un po’ come se, in poche righe, dicessi al Recruiter : “Ora in breve ti parlo di me e ti introduco il perché stai ricevendo la mia candidatura”

lettera di presentazione

Lettera di Presentazione: Come?

Quindi una prima regola da rispettare, per comporre una buona Lettera di Presentazione, è puntare al fattore WOW. La tua cover al Cv deve:

– saper suscitare interesse e curiosità sulla tua Persona e la tua Professionalità;

invogliare il lettore a proseguire nella lettura del Curriculum e fargli pensare che sei un soggetto interessante e un professionista potenzialmente valido per il suo staff.

Come fare?? Regola n. 2: nella Lettera di Presentazione dovrai anticipare alcuni contenuti strategici per la tua Candidatura e coerenti con essa. In particolare:

– le tue conoscenze compatibili alla ricerca o, per rapidi punti, i ruoli che hai già ricoperto e che sono citati anche dall’annuncio, anche se sono stage, esperienze brevi o attività di ricerca o progettuali (usa le stesse parole dell’annuncio! parlerai la stessa lingua dell’Azienda che cerca…). Prova a inserire proprio qui, nella cover, un breve aneddoto (non più di una frase) su un tuo caso di successo. Quest’ultimo, ovviamente, nel Cv lo riprenderai e dettaglierai, ma intanto metti il tarlo della curiosità nella testa del Recruiter!

obiettivi (ruoli? crescita? responsabilità?)

valori e punti di forza

Sulle competenze e gli obiettivi

Sii focalizzato e realistico: la tua Lettera di Presentazione NON può essere un elenco generico ed elemosinante di possibili mansioni che puoi svolgere, ma deve esprimere certezza che tu hai evidenti caratteristiche per ricoprire proprio quella che cercano. Deve emergere una ragionata Motivazione.

Sui valori e punti di forza

Approfitta di questa occasione per approfondirli, che nel Curriculum gli aspetti più personali trovano sempre poco spazio. Nella cover letter, invece, puoi renderli con un pensiero di senso compiuto, in maniera più personale e vissuta (usando, peraltro la forma “Io”).
Puoi comunicare i tuoi aspetti più positivi, la tua personalità e il tuo modo di affrontare il lavoro. E lo farai con uno stile espositivo che ti corrisponde ma che sia adatto a un contesto formale: chiaro e sintetico, per punti o più discorsivo, sempre educato, corretto, fresco, equilibrato, entusiasta e fiducioso. Come se il lettore lo stesse sentendo direttamente da te. Come se fossi già al tuo Colloquio.

Regola n. 3: devi infine saper sottolineare il tuo interesse per “quell’Azienda“, in una sorta di corteggiamento professionale. Perché ti proponi proprio a loro? Quali 

Es. 1 “Leggendo la vostra storia ho potuto apprezzare una cultura aziendale, fondata sull’impegno e sul merito, che corrisponde anche al mio modo di concepire il lavoro (oppure l’ambito commerciale/l’attenzione al cliente/la sensibilità verso l’ambiente/…  – ricamaci su e sbizzarrisciti!) e sarei dunque onorato di portare il mio contributo in tal senso nella vostra organizzazione”.

Es. 2 “Studiando la vostra realtà aziendale ho potuto notare l’attenzione al dettaglio che mettete nel vostro prodotto. Poiché anch’io sono una persona con vocazione al dettaglio ritengo di potermi adattare facilmente alla vostra organizzazione, portando un mio personale contributo”.

Lo stile rispecchierà chi sei, e parlerai di te in prima persona. Usa periodi brevi e parole chiave e d’effetto e in questo modo potrai orientare la lettura verso una valutazione positiva del tuo profilo. Non dimenticare le formule di cortesia e di rileggere per evitare errori di scrittura.

Ricorda.

L’obiettivo finale è superare il filtro al Cv dando personalità a un foglio di carta! E sbaragliare la concorrenza per quella posizione. Cioè essere ritenuti la persona più interessante e compatibile con la ricerca, quella da convocare per un Colloquio conoscitivo.

colloquio motivazionale

§ Attenzione però! Non eccedere in una sviolinata a te stesso e tieni presente che dovrai usare coerenza tra quanto scrivi nella Lettera di Presentazione e quanto poi indichi nel Curriculum, oltre che quello che dirai e saprai rappresentare di persona in un eventuale colloquio. Infatti se è vero che devi bucare lo schermo, è anche vero che devi essere sincero o verrai smascherato alla prima intervista.

lettera di presentazione

In conclusione.

Non sottovalutare il momento in cui scriverai la Lettera di Presentazione, ma dedicavi il giusto del tempo. Devi scriverla e rileggerla più volte, e declinarla a seconda dell’utilizzo. Se ben ricordi NON esiste un Curriculum unico e identico per ogni situazione; ugualmente NON potrà esserci una Lettera di Presentazione identica e uguale ad ogni invio. Perché i punti da valorizzare, e le motivazioni che devi esprimere per “spiegare ed essere convincente”, variano a seconda della Candidatura che avanzerai.

Per la mia esperienza concludo sconsigliando l’invio del Cv senza un’intro che possa quantomeno tarare il motivo della Candidatura. Del tutto bandita la mail vuota con Cv allegato!!!

QUI trovi un esempio di una Lettera di Presentazione di buon livello, da cui prendere ispirazione se sei alla ricerca della tua Prima Esperienza

QUI trovi un esempio di una Lettera di Presentazione di buon livello, da cui prendere ispirazione se sei una persona molto esperta nel suo campo e alla ricerca di una nuova sfida professionale

QUI trovi un esempio da NON COPIARE! La Lettera di Presentazione Maldestra

 

 

lettera di presentazione

Articolo revisionato il 4 Febbraio 2019 alle 20:30


Ti potrebbe interessare anche


Summary
Lettera di Presentazione: Sì o No?
Article Name
Lettera di Presentazione: Sì o No?
Description
La Lettera di Presentazione: è un'arma in più a tua disposizione per completare in maniera personalizzata e più curiosa il tuo Curriculum Vitae e supportare in modo più efficace e convincente la tua Candidatura: infatti la completa e può spiegare meglio i tuoi obiettivi e la tua motivazione a quel ruolo.
Author
Publisher Name
www.blogtalentlab.it
Link sponsorizzato
Link sponsorizzato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *