10 cose da “togliere” per un Curriculum più efficace

Quando dire troppo storpia. Anche nel Curriculum

Sul Curriculum più o meno efficace ci siamo già confrontati. Ricordi l’importanza di fornire un CV completo e dettagliato?
Capirai quanto sia strategico, allo stesso modo, individuare le informazioni davvero importanti e coerenti col obiettivo.
Ecco perché a volte è meglio “togliere” piuttosto che “aggiungere”.

Ti potrebbe interessare anche:
curriculum con tante esperienze lavorative
Un Curriculum, tante esperienze – In “La Ricerca di lavoro” e “Il Colloquio di Lavoro”

Si dice che il tempo medio dedicato all’esame di un Curriculum sia inferiore ai 10 secondi.
Personalmente non mi riconosco in questo dato e credo che la differenza la faccia il metodo ma anche il momento che si dedica alla lettura: per esempio io d’abitudine riprendo in mano più volte lo stesso CV, proprio per evitare condizionamenti e “leggervi attraverso”.

Ciò non toglie però che sia veritiero che un selezionatore cerchi in un Curriculum le informazioni “che gli servono” o quelle che reputa davvero importanti per la sua ricerca, o per inquadrare il tuo profilo professionale.

E se pochi secondi possono fare la differenza tra l’essere subito “scartato” oppure il superare la selezione preliminare, ci devi fare i conti se cerchi lavoro. Quel Curriculum che il selezionatore avrà tra le mani in quei primi attimi dovrà dirgli che “sì, sei la persona giusta per lui e la più qualificata per quell’impiego”.

Dovrai calzare sulla qualifica ricercata. E il Curriculum dovrà metterlo subito in evidenza.

Dovrà stupire e colpire con un’immediata buona impressione. E per farlo c’è un’unica regola aurea: praticità, poche informazioni ma essenziali, in un documento che risulti interessante.


Parola d’ordine: Togliere! Togliere! Togliere!

1) Togliere tutte le parole inutili o superflue

Ad eccezione delle (poche) parti più strettamente descrittive – come ad esempio un’eventuale breve presentazione di te e delle tue competenze più spiccate –, scegli una scrittura asciutta, quasi telegrafica. Abolisci i periodi troppo lunghi. No a troppi pronomi, congiunzioni o ninnoli di accompagnamento.

Se opti per tabelle di sintesi ed elenchi puntati, pochi punti e parole chiave ben calibrate

Può essere una scelta visivamente efficace. Ma se riempi il CV di tabelle e punti, rischi che nessuna delle informazioni che stai dando spicchi tra le altre e il Curriculum complessivamente resterà nella mediocrità.

2) Anche lo stile e l’immagine complessiva del documento pesano

Vuoi sapere cosa il selezionatore legge superficialmente e con noia?

  • Un layout troppo carico di informazioni, scritto fitto fitto e senza spazi bianchi o variazioni (senza titoli, grassetti, dimensioni, colori che alleggeriscono l’occhio di chi legge e tra i quali cercare facilmente proprio quelle parole chiave).
  • Un font con troppi riccioli, tanto da rendere talvolta incomprensibile la lettura.

E invece sai cosa lo catturano?

  • I racconti di esperienze pratiche e maturate sul campo (grazie a riferimenti diretti a compiti svolti, risultati ottenuti o progetti partecipati), in cui emerge concreta la capacità del candidato di negoziare, innovare, trasformare, … insomma di portare col proprio lavoro un valore aggiunto all’azienda.
3) Non cadere nell’eccesso di zelo!

Non è nemmeno necessario scrivere “Data” davanti a una data, “Azienda” davanti al nome di un’azienda per cui hai lavorato o “Cittadinanza” davanti alla tua scontata cittadinanza italiana.

Non serve elencare tutti gli esami universitari o le materie studiate a scuola, a meno che tu non sia un neolaureato.

E quanto alla votazione è sufficiente indicare quella finale. Ho visto CV di professionisti pluriennali che riportano anche la media dei voti, ma davvero… non è di alcuna utilità.


4) Togliere: dettagli personali e tue opinioni che non sono rilevanti alla candidatura

Ad esempio lo stato civile, quanti figli hai, il tuo parere su questa o quella causa o la cittadinanza, a meno che questi ultimi non siano utili al profilo.

Su questi temi potremmo discutere a lungo. Umanizzare il CV e il processo di selezione non è sbagliato per forza. Ma dato che sei in una fase preliminare e non sai chi ti siederà davanti, meglio non schierarsi.

5) Togliere: numeri telefonici, e-mail e social extra: solo lo stretto indispensabile

Di numero di telefono ne basta UNO ed è preferibile che sia il tuo cellulare abituale, così puoi rispondere tempestivamente a chi ti chiama.
Scegli un indirizzo e-mail “professionale”, adatto al contesto di lavoro.
Ugualmente, non serve inserire tutti i contatti social di tutte le piattaforme social a cui sei iscritto, soprattutto se non attinenti al lavoro per cui ti candidi. Un’immagine Linkedin è però strategica.

6) Togliere: i dati sensibili del tuo attuale lavoro

Ad essere onesti, io apprezzo molto chi NON mette su carta il nome dell’azienda per cui sta lavorando, lasciando al confronto personale nomi, perché e percome.


7) Togliere: le esperienze di lavoro trascurabili

Nel Curriculum è opportuno che trovino spazio solo quelle esperienze attinenti alla posizione ricercata. Oppure quelle che hanno contribuito ad imparare delle abilità comunque utili o interessanti a completare il tuo profilo.
Evita lunghi elenchi di date.
Evita i lavori svolti per brevissimo tempo.
E se hai un’esperienza pluriennale, sarà sufficiente indicare le attività rilevanti degli ultimi 15-20 anni.

8) Togliere: tutti i “perché” dei cambi di lavoro

Cose tipo “ha chiuso l’azienda”, “cassa integrazione”, “ho avvertito la necessità di un cambiamento”, … sono argomenti da approfondire in sede di colloquio.
Anzi affermo con ragionevole certezza che meno informazioni il CV porta su questi temi e più si accende la curiosità di chi legge.

9) Togliere: le referenze

Io personalmente non le trovo utili, e comunque se un selezionatore le volesse, potrà sempre richiederle. Come non trovo felice la scelta di allungare il CV con pagine e pagine di allegati (attestati, …).

10) Togliere: ogni riferimento allo stipendio

L’ho visto scritto poche volte, ma devo dire che anche quelle poche mi ha disturbato.

Nel lavoro ci misuriamo sullo stipendio, non ci piove. Ed è ragionevole pensare che se si cambia lavoro lo si fa, tra le altre cose, anche per migliorare il proprio compenso. Ma il momento conoscitivo non è quello giusto. Anche questo è un tema da discutere vis-a-vis e DOPO aver chiarito che le parti (candidato e selezionatore) sono fatte l’una per l’altra.

Nella presentazione è meglio parlare del contributo che hai portato alla tua azienda: competenze acquisite, responsabilità guadagnate, attività condotte, premi e riconoscimenti, obiettivi raggiunti (in breve, positivi e supportati da numeri, ma senza esagerare né strafare).

È ciò che farà la differenza. Anche in fase di trattativa, no?


Summary
10 cose da "togliere" per un Curriculum più efficace
Article Name
10 cose da "togliere" per un Curriculum più efficace
Description
Eccesso di dettaglio nel #Curriculum? Scrivere troppo, e troppe cose che non si collegano al tuo obiettivo professionale, può costituire un'arma a doppio taglio. Ecco perché qualche volta è meglio #togliere piuttosto che #aggiungere: 10 #suggerimenti che possono fare la differenza nella #selezione preliminare quando cerchi #lavoro
Author
Publisher Name
www.blogtalentlab.it
Link sponsorizzato
Link sponsorizzato

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *